Tappeto annodato - inv. 52

Anatolia occidentale, fine XVI - inizio XVII secolo

Ushak
wool  
186 x 280 cm; 850 nodi al dm2
1882 acquisition 
Inv. 52

not on display


Il tappeto presenta un impianto a medaglioni stellari a otto punti alternati a medaglioni più piccoli romboidali. I motivi poggianti su un fondo rosso vivo sono ripetuti in uno schema che sembra potersi espandere all’infinito. I medaglioni sono collegati tra loro da un intreccio floreale. Anche la bordura è decorata da una fitta grata a fiori. È in condizione generalmente buone. Manca un bordino esterno a una testata. Nel 1955 è stato restaurato un tappeto Ushak non meglio identificato, per cui potrebbe trattarsi di questo stesso tappeto o del tappeto n. inv. 2770 (cat. N. 2). Nel 1961 è stato pulito e restaurato (Archivio del Museo Poldi Pezzoli, Faldone restauri, n. 35). Questo Ushak “a stella” appartiene a un vasto gruppo di esemplari prodotti dal XVI al XVIII secolo. Gli Ushak “a stella” fecero la loro prima apparizione nei dipinti europei nel 1530 in un’opera di Paris Bordone. L’anello del Doge (Venezia, Gallerie dell’Accademia, n. inv. 320). Questo dipinto ci permette di datare i primi esemplari Ushak all’inizio del XVI secolo. Questo tappeto sembra infatti potersi collocare nel periodo di maturazione stilistica di questa tipologia, tra la fine del XVI secolo e l’inizio del XVII sulla base della decorazione e del rosso vivo del fondo che, in epoca più tarda, viene sostituito da una tonalità più scura.