Parte terminale di tunica o di dalmatica in due frammenti - inv. 3241

IX secolo (?)

Parte terminale di tunica o di dalmatica in due frammenti
wool  
20 x 25 cm; 22 x 9 cm
1958 donation Robert de Calatchi
Inv. 3241

not on display


I due frammenti facevano parte del bordo inferiore della stessa tunica o dalmatica. Sono realizzata con una tecnica mista a tela e arazzo in lana di colore viola ed ècru, con largo impiego della navetta volante. Lungo il bordo delle parti ornamentali e nella direzione dell'ordito, lo stacco tra tela e arazzo è unito con il punto arazzo. Il frammento più piccolo (cat. n. 36), che conserva solo la striscia verticale, risulta tagliato proprio sulla linea di attacco della striscia orizzontale. Su tentrambe le fasce, disposte ad angolo retto, tra due cornici a piccole croci chiare su fondo viola, si alternano zone rettangolari con motivi a treccia ottenuti esclusivamente con la navetta volante a filo écru su fondo viola e motivi a croci viola con dichetto centrale écru, fatto con la navetta su fondo chiaro. Il quadrato racchiude un motivo a croce rossa resa a intreccio con la navetta volante. La cornice è identica a quella delle strisce, le cui estremità si allungano in un apice con motivo a foglia. Questi frammenti, in buono stato di conservazione, sono forse gli ultimi esemplari di quei tessuti "di porpora" molto diffusi nel primo periodo copto e di influso greco-romano (IV-V sceolo), numerosi dei quali sono conservati al Louvre. Qui la ripartizione rigida dei campi e il ripetersi, alternandosi, degli scehmi decorativi e la tecnica di lavorazione meno accurata, fanno propendere per una datazione più tarda: il IX secolo, come prova il confronto con un pezzo del Louvre costituito da un quadrato e da una banda di spalla di tunica (o di dalmatica). Questo tipo di decorazione riappare anche in una doppia striscia da polso del XII sceolo.