Pendente - inv. 695

Sicily, first half of the17th century

Eagle pendant
gold   pearl   ruby   enamel  
95 x 32 mm, 24,5 g
1879 bequest Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 695

Jewelry Room


Al centro di una ricca e complessa intelaiatura decorativa che nel suo complesso ha forma svasata e, nei particolari, è fatta di volute a giorno modellate e smaltate, è inserito, molto rilevato, un fiore ornamentale, anch'esso a giorno, con un alto castone centrale, contenente uno smeraldo. Lungo il perimetro inferiore dell'intelaiatura sporgono nove anelli (quattro per parte e uno al centro) ai quali sono agganciate altrettante perle pendule. Sulla parte superiore dell'intelaiatura, che ha andamento orizzontale, ed i due lati del suo punto centrale sono fissati due rubini quadrati al centro di fiori con petali rossi. Su questi poggiano le zampe divaricate di un'aquila ad ali spiegate, modellata a tutto tondo e con tracce di smalto traslucido sulle ali e sulla coda. Dalle estremità superiori dell'intelaiatura e dalla testa dell'aquila partono e convergono in alto tre catene di sospensione le cui maglie sono interrotte, ad intervalli regolari, da fiori a quattro petali rossi e pistillo bianco rilavato. Le catenine laterali si agganciano, in alto, a due piccole volute facenti parte di un elemento ornamentale che presenta, al centro, un castone con rubino fra due boccioli contrapposti in verticale, mentre la terza catenina centrale è agganciata al bocciolo inferiore. La sospensione di pendenti con tre catene convergenti è prevalentemente attuata nella gioielleria spagnola.