L'uomo e il collezionista del Risorgimento

In occasione dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, il Museo Poldi Pezzoli dedica la mostra autunnale al suo fondatore: Gian Giacomo Poldi Pezzoli (1822-1879), una delle figure più appassionanti dell’Ottocento italiano. L’esposizione Gian Giacomo Poldi Pezzoli. L’uomo e il collezionista del Risorgimento, in programma dal 12 novembre 2011 al 13 febbraio 2012, racconta le vicende dell’Indipendenza e dell’Unità d’Italia attraverso gli occhi, le esperienze e la collezione di opere d’arte di questo protagonista milanese d’eccezione.
La mostra è stata preceduta da una lunga ricerca d’archivio e ricostruisce le vicende biografiche e artistiche di Poldi Pezzoli, puntando l’attenzione sul suo impegno civico. Il giovane nobiluomo ebbe infatti un ruolo politico nel corso delle Cinque Giornate di Milano, sostenendo economicamente il Governo Provvisorio e infine pagando con l’esilio in Svizzera e la confisca dei beni il suo coinvolgimento.
Le trenta opere esposte fanno luce sulla cultura artistica italiana nel “decennio di preparazione” all’Unità quando letteratura, teatro e arte concorrono a promuovere una silenziosa opposizione agli stranieri eleggendo il Medioevo e l’Italia comunale trecentesca a metafora di un’Italia libera. L’esposizione in particolare si focalizza sulla genesi delle prime due stanze realizzate tra il 1846 e il 1856 per la casa museo Poldi Pezzoli, l’Armeria e lo Studiolo dantesco e sulla relativa valenza patriottica.

 

La mostra si snoda in un percorso espositivo che coinvolge diversi spazi del Museo, tra i quali la Sala d’armi e lo Studiolo dantesco, e si articola in tre sezioni: la prima, biografica, si apre con il Ritratto di Gian Giacomo Poldi Pezzoli di Francesco Hayez e alcuni documenti di archivio, tra cui il Libro dei Conti autografo appena ritrovato. La seconda sezione indaga la moda del collezionismo d’armi (che contagia anche i pittori di storia come documenta l’importante dipinto Ventura Fenaroli arrestato dai Francesi di Francesco Hayez) e la nascita delle Armerie in Italia. Intorno al 1848 anche il giovane Gian Giacomo Poldi Pezzoli affida a Filippo Peroni, scenografo scaligero, l’allestimento di una fantasiosa armeria in stile gotico all’interno del suo palazzo. Distrutta da un bombardamento nel 1943 la Sala d’Armi è rievocata da gigantografie e bozzetti dello stesso Peroni.  Infine la terza sezione si concentra sul mito di Dante nell’Ottocento e la sua valenza patriottica, per spiegare il clima in cui sorge a casa Poldi Pezzoli lo Studiolo Dantesco, realizzato nel 1853-1856.

 

L’allestimento, progettato da Luca Rolla e Alberto Bertini con linguaggio semplice e informale, mette in risalto la figura di Poldi Pezzoli, giovane protagonista del suo tempo.
Una serie di setti ‘rossi’, disposti in apparente disordine, definisce il percorso di visita e, dialogando con i toni caldi presenti nelle opere esposte, ne valorizza i contenuti.
A disposizione dei visitatori, oltre al video biografico, un apparato didattico completo a cura di Stefano Zuffi, costituito da audio guide realizzate in collaborazione con giovani attori del Piccolo Teatro di Milano, che accompagnano nel percorso espositivo e nella comprensione delle opere e da pannelli a cura di Emilio Fioravanti (G&R Associati) per la parte grafica.

 

 Approfondisce l’esposizione un catalogo, con una completa biografia di Gian Giacomo Poldi Pezzoli e un ricca appendice documentaria, edito da Umberto Allemandi Edizioni.
I video sono stati ideati e prodotti da Storyville.
 
La mostra è stata realizzata grazie al sostegno e al contributo di :
¨        Banca Popolare Commercio e Industria (Gruppo UBI Banca)
¨        The Gabriele Charitable Foundation, Lugano
¨        Regione Lombardia
¨        Provincia di Milano
 

 

Ha ottenuto il Patrocinio di: Comitato per il 150enario dell’Unità di Italia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Lombardia - Cultura, Provincia di Milano, Comune di Milano – Cultura, Expo, Moda, Design, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Università degli Studi di Milano, Consolato Generale di Svizzera in Italia e Assessorato alla Cultura della Città di Lugano.
 
Sponsor tecnici: Arterìa, Fondazione Corriere della Sera,  GPA Assiparos Ciaccio Broker, IGPDecaux, ICMoving Channel, Vivaticket - 89.24.24 Pronto PagineGialle®.