Giuseppe Bertini - inv. 1157

Titolo: 
Ritratto di Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Numero di Inventario: 
1157
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Portrait
Parole chiave soggetto: 
Gian Giacomo Poldi Pezzoli
ritratto d'uomo
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Giuseppe Bertini (1825-1898)
Ambito e luogo di produzione: 
Milano
Lombardia
Italia
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/1157.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Periodo: 
1850
Datazione specifica: 
1880 ca.
Libri correlati: 
Pubblicazione: 
Si
Materia e Tecnica: 
oil on canvas
Opere correlate: 
Data di Ingresso: 
1881 ante
Acquisizione: 
Giuseppe Bertini
Tipo di acquisizione: 
donation
Collocazione riservata: 
Uffici
Tipo di collocazione: 
deposit
Collocazione: 
not on display

La tela, databile verso il 1880, è sostanzialmente analoga al Ritratto di Gian Giacomo Poldi Pezzoli (inv. 261) del medesimo autore già di proprietà di Camilla Gabba Cavezzali.

L’immagine, eseguita dopo la morte del soggetto, restituisce le sembianze del nobiluomo lombardo ormai anziano, dialogando idealmente con il Ritratto di Gian Giacomo Poldi Pezzoli (inv. 48) di Francesco Hayez databile al 1851; adottando un’inquadratura più ristretta rispetto a quella della tela eseguita dal più anziano maestro, anche Bertini sceglie una posa di tre quarti contro uno sfondo scuro. All’elegante sobrietà dell’abito, rischiarato dallo sparato candido della camicia il pittore affida l’attestazione del rango sociale del modello e della sua aristocratica raffinatezza. Stempiato e con il volto smagrito rispetto al ritratto più giovanile, Gian Giacomo esibisce, secondo la moda del tempo, grandi favoriti, lunghe basette "a scopettone".

L. P.

AC/DC: 
DC