Brocca - inv. 462

Italia meridionale, prima metà del I secolo d.C.

Brocca
iron  
altezza 31,6 cm
1879 bequest Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 462

Antique Murano Glass Room


Questa piccola brocca proviene da Locarno (Svizzera) e fu acquistata da Gian Giacomo Poldi Pezzoli.
Il corpo ovoidale allungato è impreziosito dai rilievi dell'ansa a nastro, alla cui base è saldata una testa di Medusa.
Le altre decorazioni dell’ansa, dal basso verso l'alto, raffigurano una capra di profilo e un vecchio barbuto che tiene, forse, un coltello e ha ai suoi piedi un animale morto.
Queste immagini, che non sono in rapporto tra loro né hanno un intento narrativo, provengono dal repertorio idillico-sacrale.
Pur trattandosi di un oggetto di uso comune, questa brocca si distingue per la resa plastica delle figure che la decorano e per l’espressività del volto di Medusa, di derivazione ellenistica.