Biblioteca

La biblioteca era giunta per via ereditaria al padre di Gian Giacomo dallo zio Giuseppe Pezzoli e dall’abate Giovanni Maria Pezzoli, il cui ritratto è appeso nella sala. Lo stesso Gian Giacomo incrementò gli acquisti.

L’importante raccolta comprende 3359 volumi a stampa dal XV al XIX secolo (incunaboli, edizione “aldine”, “cinquecentine”, “bodoniane”, libri illustrati del Settecento e dell’Ottocento): in tutto 1836 opere di letteratura, storia, viaggi, scienze, teologia e storia dell’arte.