Sala dei Vetri di Murano

Questa sala, gravemente danneggiata dai bombardamenti del 1943, era la stanza da letto di Gian Giacomo Poldi Pezzoli. Il letto a baldacchino in stile neobarocco andò perduto agli inizi del Novecento. Era opera di Giuseppe Ripamonti come le bellissime porte intagliate, che fortunatamente si sono salvate. Nella sala sono ora esposte la raccolta di oggetti archeologici e la collezione dei vetri antichi  che comprende circa 200 pezzi, acquistati per la maggior parte dallo stesso Poldi Pezzoli.

 
La Sala dei Vetri di Murano agli inizi del XX secolo