Anello - inv. 655

Italia, (ca. 1550-1575)

Anello con castone apribile
oro   perla   smalto  
diametro 18 mm
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 655

Sala degli ori


La particolarità di questo anello è il castone apribile, destinato a contenere polveri medicinali o veleni. Si tratta di un meccanismo, con cerniera invisibile, che verrà diffuso nel Settecento da Fabergé nelle sue famose tabacchiere. L’anello è decorato con smalti policromi a motivi geometrici e quattro mezze perle sulla sommità del castone. Date le dimensioni, l’anello era evidentemente destinato a una mano maschile oppure a essere indossato sopra un guanto. La moda rinascimentale prevedeva, infatti, che gli anelli più preziosi si portassero sui guanti, in gran numero e sulle dita di entrambe le mani.