Orologio a carro trionfale - inv. 1149

Germania meridionale, prima metà del XVII secolo

Il carro di Diana
1625-1630 circa
argento   bronzo dorato   legno   ottone dorato  
305 x 410 x 170 mm
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 1149

Stanza degli Orologi


La cassa di questo orologio, noto come Il carro di Diana, ha la forma di una carro trionfale in ebano, con le ruote in bronzo dorato e fregi d’argento. Diana, la dea della caccia, è seduta sul trono nell’atto di scoccare una freccia; due pantere tirano il carro mentre dietro il trono siede una scimmietta. Ai lati del trono sono incassati due quadranti d’argento, uno per le ore e uno per attivare la suoneria, decorati con smalti policromi con fiori e uccelli. Grazie ad una molla interna le ruote del carro girano, le due pantere si alzano e si abbassano simulando i balzi di una corsa e le loro teste ruotano, così come gli occhi di Diana e la testa della scimmietta.
Il Carro di Diana ha alcuni elementi in comune con un Carro di Minerva (ora alla Kunstkammer di Vienna) attribuito all'orafo e orologiaio Achilles Langenbucher (1579-1650) e databile al 1520-1630.