Cista - inv. 3357

Richard Ginori, modellata da Libero Andreotti (1875-1933), disegnata da Gio Ponti (1897-1979)

Cista
1927
porcellana dura  
570 x 315 mm
iscrizione
"PER / FERNANDA / E UGO OJETTI / COMPOSERO / GIÒ PONTI E / LIBERO ANDREOTTI / DOCCIA ESEGUÌ"
1973 donazione Paola Ojetti
Inv. 3357

Sala Trivulzio
Vai a:

La cista, in coppia con la cista - inv. 3358, fu modellata dallo scultore Libero Andreotti (Pescia, 1875 - Firenze, 1933) e disegnata dall’architetto Gio Ponti (Milano, 1897-1979) che promosse il rinnovamento dei disegni della manifattura Richard Ginori. Di forma cilindrica, con coperchio, ha la presa costituita da una figura di donna alata, mentre altre quattro figure femminili accosciate sono poste in corrispondenza dei quattro piedi. La decorazione pittorica, intitolata da Gio Ponti “La conversazione archeologica”, è formata da spazi geometrici con figure femminili e maschili, alternate in un caso con colonne, erme e edicole, nell’altro con coppe, boccali, faretre, frecce e soggetti astratti. La coppia delle ciste è stata donata al museo da Paola Ojetti in memoria dei genitori Ugo e Fernanda, per i quali erano state realizzate in occasione del ventesimo anniversario di matrimonio.

Opere correlate: