Pendente - inv. 691

Venezia (?), XVI secolo

Pendente con caravella
oro   perla   smalto  
86 x 55 mm, 10,1 g
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 691

Sala degli ori


La nave ha uguale decorazione dal diritto e dal verso. Sotto la chiglia, una zona di fogliame verde, frastagliato, ha per centro un bocciolo dal quale pende un anello che reggeva una perla (ora mancante). Altri due anelli che avevano la stessa funzione, sporgono dalle due estremità del fogliame. Lo scafo, leggermente convesso, è campito di smalto traslucido rosso cupo segnato a squame con filo d'oro ed ha, al centro, un grande fiore a petali bianchi. Le parti prodiera e poppiera dello scafo si concludono con volute bianche simmetriche e affrontate. Dalla prua sporge un bocciolo verde fasciato di bianco e terminante a punta. Una balaustra limita i lati della coperta; dalle estremità di questa si elevano i casseri e dal centro l'albero con la coffa in cima. Da questa e dai casseri partono tre sartie in maglie d'oro, aventi una perla ogni due maglie: convergono in alto tra le foglie a giorno di un bocciolo che precede l'anello di aggancio. Tre altre sartie in filigrana, ognuna delle quali attraversa una perla, vanno dalla coffa alla base dei casseri. La vela, smaltata in bianco opaco, è punteggiata ed orlata d'oro. Sembra che pendenti con lo stesso soggetto siano stati di moda in Inghilterra fin dal 1519 (Evans) e comunque simboleggiano la superiorità delle potenze marinare, principalmente quellla inglese e quella veneziana. Il Victoria and Albert Museum di Londra possiede un esemplare quasi analogo a questo, completo dei pendenti con perle. E' dubitamente attribuito a Venezia.