Frammento con clavo frammentario - inv. 3226

VII secolo (?)

Frammento con clavo frammentario
lana   lino  
28 x 4,5 cm
1958 donazione Robert de Calatchi
Inv. 3226

Non esposto


Questo frammento è realizzato con una tecnica mista: una tela di fondo bouclé (o "a spugna"), ottenuta con due orditi di cui uno viene fatto passare sopra ad una bacchetta di metallo e rifiniture a navetta volante (o a "punto scritto"). La zona di fondo viola con un pesce color écru è stata tessuta a parte rispetto a quella con figure umane: si vede lo "stacco" lungo il filo dell'ordito tra le due zone ad arazzo. Nel clavo si alternano dall'alto figure di animali e figure umane. Vi si identificano due zone con motivi decorativi in positivo e negativo: un pesce color écru su fondo viola e, sotto, in viola su fondo écru, un danzatore di tre quarti con la testa girata a sinistra, un leone di profilo posto verticalmente, un altro danzatore anch'esso di tre quarti, con la gamba sinistra flessa. Un piccolo pendaglio a foglia racchiude un uccello di profilo. Il clavo è bordato da un sottile filo viola. L'alternanza di decorazioni in negativo e in positivo si ritrova in alcuni esemplari conservati al Museo del Louvre e datati al VII secolo: nel frammento D56, nei clavi della tunica D38. Il tipo del danzatore (o della danzatrice) ricamato all'interno con la navetta volante, l'intento ancora naturalistico della resa dei corpi e l'armonia delle proporzioni ricorda altri pezzi del Louvre, come un cuscino con danzatrici datato al VII secolo, o la striscia frammentaria, anch'essa al Louvre con un danzatore e una danzatrice blu su fondo écru ma con tocchi di colore rosso e verde. Anche quest'ultimo frammento è stato datato al VII secolo. Si veda anche una striscia del Museo von Wagner di Würzburg con leoni e una figura di danzatrice datata al V-VI secolo.