Orologio sferico a caduta - inv. 3434

Michael Wagner (fine del XVII secolo) su modello di Henri Arnaud de Zwolle (ca. 1431-1465)

Orologio sferico a caduta
argento   ottone dorato  
diametro 98 mm
firma
"Michael Wagner im Breslau"
1973 Array Bruno Falck
Inv. 3434

Stanza degli Orologi
Vai a:

Cassa sferica di ottone dorato con fregio circolare sbalzato alla sommità e altri otto fregi applicati alternatamente sopra e sotto la fascia oraria. La fascia d'argento applicata all'equatore ha i numeri romani in XII e ruota con la sfera. L'ora viene indicata da una grossa lancetta fissa che sporge dal basso, la quale ha una coda appuntita che indica l'ora anche su un cerchio inciso intorno al polo inferiore. Il movimento con scappamento a verga e bilanciere è mosso dal peso proprio dell'orologio. Per caricarlo basta sollevarlo: durante l'operazione la fune alla quale è sospeso si avvolge internamente intorno al tamburo, richiamata da un'apposita molla, lasciato a se stesso discende, in quanto la forza di gravità supera quella di richiamo della molla. Il movimento è stato restaurato approssimativamente da un orologiaio poco esperto, la cui opera è palese. Il tipo è uno dei più antichi di cui si conserva un disegno per mano di Henri Arnaut de Zwolle, discepolo del celebre Jean Fusoris, al quale ultimo è attribuita l'invenzione nella prima metà del XV secolo. Ebbe una modesta diffusione a partire dalla metà del XVII secolo, soprattutto nel mondo di lingua tedesca.