Giuseppe Bertini - inv. 274

Titolo: 
Preghiera a bordo
Numero di Inventario: 
274
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
History and Literature
Parole chiave soggetto: 
preghiera
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/0274.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Giuseppe Bertini (1825-1898)
Ambito e luogo di produzione: 
Milano
Lombardia
Italia
Pubblicazione: 
Si
Periodo: 
1800
Datazione specifica: 
1850 ca.
Libri correlati: 
Materia e Tecnica: 
oil on canvas
Data di Ingresso: 
1879
Acquisizione: 
Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Tipo di acquisizione: 
bequest
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Antique Murano Glass Room

Il dipinto, datato 1846, viene indicato come Preghiera a bordo già nel catalogo del Museo Poldi Pezzoli redatto nel 1881 dallo stesso Bertini; l’episodio raffigurato si ispira con ogni probabilità a una fonte letteraria che tuttavia non è stato possibile individuare, ma che andrà genericamente collocata nell’ambito del Romanticismo storico. All’interno di una nave si raccoglie un mesto gruppo di personaggi in abiti tre-quattrocenteschi, i quali fanno corona alla donna – forse una regina – che siede con le mani in grembo e gli occhi rivolti verso l’alto nell’atto di elevare una preghiera. La sua patetica figura rappresenta il fulcro sentimentale e compositivo dell’immagine. Rispetto all’esempio della pittura storica di Hayez l’autore utilizza un ritmo narrativo più nervoso, meno solenne, ricercando un’intensità drammatica sottolineata dal rosso vibrante dell’abito della figura al centro del dipinto.

All’epoca dell’esecuzione di questa tavoletta l’autore si era da poco segnalato quale una delle più promettenti presenze della scena artistica milanese, ottenendo nel 1845 il Gran Premio di Pittura dell’Accademia di Brera.

La presenza nella collezione di Gian Giacomo Poldi Pezzoli di un’opera di Bertini di poco successiva al suo fortunato esordio pittorico sembra attestare la precocissima attenzione nei confronti del giovane artista, che nei decenni successivi sarà attivo per il nobile lombardo come ritrattista, decoratore e consulente antiquario.

L. P.

AC/DC: 
DC