Giuseppe Bertini - inv. 4745

Titolo: 
Ritratto di Carolina Mezzanotte Peregrini
Numero di Inventario: 
4745
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Portrait
Parole chiave soggetto: 
Carolina Mezzanotte Peregrini
ritratto di donna
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/4745.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Giuseppe Bertini (1825-1898)
Ambito e luogo di produzione: 
Milano
Lombardia
Italia
Pubblicazione: 
Si
Libri correlati: 
Periodo: 
1850
Datazione specifica: 
1887
Tipo di iscrizione: 
signature and date
Trascrizione o identificazione: 
"G. Bertini / 1887"
Materia e Tecnica: 
oil on canvas
Data di Ingresso: 
2001
Acquisizione: 
Grazia Magistretti Calegari
Tipo di acquisizione: 
donation
Tipo di collocazione: 
deposit
Collocazione: 
not on display

La tela, datata 1887, fu presentata alla mostra dell’Accademia di Brera del 1894, l’ultima a cui partecipò l’artista, che sarebbe morto quattro anni più tardi.
Il dipinto doveva essere inserito in una cornice dalla luce ovale, come dimostrano gli angoli della tela originariamente non visibili, contraddistinti da una trama pittorica diradata.

L’anziana signora è inquadrata frontalmente, seduta su una poltroncina capitonné, con le mani conserte in grembo. L’abito nero è sobriamente ingentilito dalle guarnizioni in giaietto ai polsini e sui bottoni che chiudono la veste sino al collo. Dalla cuffia adorna di nastri spuntano appena i capelli bianchi, ordinatamente ripartirti in due bande, che lasciano interamente scoperto il viso. Sfruttando una tecnica ricorrente nei suoi ritratti, Giuseppe Bertini si serve di sottilissime pennellate bianche per dare lucentezza all’incarnato, che qui tuttavia appare cereo e provato dagli anni. Con il capo lievemente inclinato, Carolina Mezzanotte Peregrini rivolge allo spettatore uno sguardo mite, ma come distante e appesantito sotto le grandi palpebre infossate nel volto scavato.

Quest’opera è esemplare di una ritrattistica che, grazie a una saldissima sapienza accademica, unisce alla resa scrupolosa dei propri modelli il pieno e pacato rispetto di un inappuntabile decoro sociale.

L. P.

AC/DC: 
DC