Giovanni Battista Cima da Conegliano - inv. d.t. 55

AllegatoDimensione
Scheda Scientifica74.24 KB
Titolo: 
Teseo uccide il Minotauro
Numero di Inventario: 
d.t. 55
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Mythology
Parole chiave soggetto: 
Teseo
Minotauro
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Giovanni Battista Cima da Conegliano (ca. 1459-ca. 1517)
Ambito e luogo di produzione: 
Veneto
Italia
Notizie storico-critiche: 
Periodo: 
1500
Datazione specifica: 
1505 ca.
Libri correlati: 
Pubblicazione: 
Si
Materia e Tecnica: 
tempera on panel
Data di Ingresso: 
1972
Acquisizione: 
Pinacoteca di Brera
Tipo di acquisizione: 
deposit
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Perugino Room

Il dipinto raffigura l’eroe ateniese nell’atto di abbattere il Minotauro all’interno del labirinto. La raffigurazione del mostro cretese con il corpo taurino e il busto umano, e non, come nella leggenda, con la testa di toro e le altre membra d’uomo, appare alquanto singolare.

Non si tratta, tuttavia, di un caso unico: ritroviamo la medesima iconografia, ad esempio, in una miniatura di Benedetto Bordon, conservata alla Biblioteca Laurenziana di Firenze, che precede di un ventennio il dipinto di Cima.

Appare interessante, inoltre, il modo nel quale il pittore risolve il problema della raffigurazione della lotta all’interno della prigione che rinchiudeva il Minotauro: l’artificio del muro rotto, sulla sinistra, svela la scena e il labirinto è immaginato come una costruzione a cerchi concentrici, o a spirale, a cielo aperto.


Il dipinto, recentemente restaurato, è di qualità assai elevata. Cima, ispirandosi a modelli classici, riesce a rendere in modo efficace il moto dei corpi nella concitazione della lotta: Teseo balza in avanti con la spada alzata per colpire ancora una volta il Minotauro che, in una delle invenzioni più felici del dipinto, volge indietro la testa con uno scatto repentino, sottolineato dallo scompigliarsi della chioma. L’uso di una luce naturale, dall’intonazione calda, è quello caratteristico della maturità di Cima, che sviluppa in modo originale la lezione naturalistica di Giovanni Bellini.
 

La tavola faceva probabilmente parte del medesimo ciclo, destinato a ornare un cassone o la testata di un letto, cui appartengono anche le Nozze di Bacco e Arianna, opera anch’essa conservata al Museo Poldi Pezzoli. La datazione per entrambe le tavole è probabilmente da situarsi intorno al 1505.

S.G.C

Masterpiece: 
false
AC/DC: 
DC