Cornelis de Wael - inv. 24

Cornelis de Wael (1592-1667)

Battaglia tra cristiani e turchi
1650 ca.
olio su tela  
98 x 136 cm
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 24

Non esposto
Vai a:

La movimentata battaglia navale tra cristiani e turchi si svolge in un’atmosfera temporalesca, con dense nubi che, a contrasto con la porzione di cielo terso e azzurro, creano effetti di controluce. Ai grigio, rosa e azzurro di mare e cielo corrispondono i colori più vivaci e brillanti – bianco, rosso, rosa, arancio - delle figure in lotta sui velieri, all’assalto dai barconi, o nel mare. Figure e imbarcazioni sono distribuite lungo una linea a zig-zag che, scandita dai piani ombra-luce, si sviluppa in profondità, trovando il suo perno nel galeone al centro della scena.

L’autore dell’opera è Cornelis de Wael con l’aiuto di un assistente, cui si deve la realizzazione di alcune figure (ad esempio quelle in primo piano a sinistra). Il contributo di un aiutante rientra nella particolare organizzazione della bottega dei fratelli De Wael, dove era consueta la collaborazione di più artisti a un unico quadro. Talvolta si trattava di una precisa divisione del lavoro che vedeva affidati ad altri le architetture o gli scenari paesaggistici, talvolta di qualche intervento limitato alle parti di contorno, come nel caso del nostro dipinto.

Insieme alle scene di accampamenti e truppe in movimento, le battaglie navali costituiscono una parte molto significativa della produzione di De Wael; grazie ad esse egli raggiunse grande fama a Genova, dove visse e lavorò per un lungo periodo, prima di trasferirsi a Roma nel 1657. Questi dipinti recano forte il segno della cultura artistica fiamminga: nel tono un po’ favolistico del racconto, nella descrizione minuta dei particolari, nella vivacità espressiva delle piccole figure che numerose popolano le scene.

R.C.

Consulta la scheda scientifica