Giuseppe Molteni - inv. 43

Giuseppe Molteni (1800-1867)

Ritratto di Giuseppe Poldi Pezzoli
1830 ca.
olio su tela  
91 x 73 cm
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 43

Salone dell' affresco
Vai a:

Il dipinto, realizzato intorno al 1830, ritrae il padre di Gian Giacomo Poldi Pezzoli, Giuseppe, all’epoca poco più che sessantenne.
In età già avanzata egli aveva ereditato dai due rami della sua famiglia, i Poldi di Parma ed i Pezzoli d’Albertone di Bergamo un considerevole patrimonio economico, costituito tra l’altro dal nobile palazzo seicentesco di via del Giardino, l’attuale via Manzoni.
Uomo di sicure sostanze economiche, il Poldi Pezzoli sposerà nel 1819 la madre di Gian Giacomo, Rosina Trivulzio, la cui nobile famiglia, già nel XVIII secolo, poteva vantare una delle più raffinate raccolte d’arte milanesi. Giuseppe non sarà invece mai un vero e proprio collezionista: gli acquisti effettuati da Giuseppe per la sua casa riguardavano soprattutto arredi e suppellettili, scelti senza particolare attenzione al valore artistico o antiquario.
Nel ritratto di Giuseppe Molteni il Poldi Pezzoli viene raffigurato in modo sobrio ed elegante. Tutta l’attenzione si concentra sull’uomo, dallo sguardo serio e pensoso, senza alcun riferimento all’ambiente circostante che in qualche modo riveli anche il livello sociale d’appartenenza. E tuttavia gli abiti, la poltrona su cui siede -ancora oggi posseduta dal Museo- e la stessa postura tradiscono le sue origini alto borghesi. Giuseppe Molteni era uno specialista del genere: restauratore di chiara fama oltre che pittore, era noto soprattutto come ritrattista alla moda dell’aristocrazia e dell’alta borghesia lombarda.
Una sfarzosa cornice di legno intagliato e dorato inquadra il ritratto del Poldi Pezzoli: la sua opulenza nobarocca crea un efficace contrasto con la sobrietà del dipinto, conferendo all’effigiato una posizione di primaria importanza.
 

Consulta la scheda scientifica