Giuseppe Molteni - inv. 278

Titolo: 
Ritratto di Rosina Poldi Pezzoli Trivulzio
Numero di Inventario: 
278
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Portrait
Parole chiave soggetto: 
Rosa Poldi Pezzoli Trivulzio
ritratto di donna
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/0278.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Giuseppe Molteni (1800-1867)
Ambito e luogo di produzione: 
Milano
Lombardia
Italia
Pubblicazione: 
Si
Periodo: 
1800
Datazione specifica: 
1845 ca.
Libri correlati: 
Materia e Tecnica: 
pastel on paper
Data di Ingresso: 
1879
Acquisizione: 
Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Tipo di acquisizione: 
bequest
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Antique Murano Glass Room

Il pastello raffigura la madre del collezionista Gian Giacomo Poldi Pezzoli in età matura e abiti vedovili.
Rosa Trivulzio (1800-1859) aveva sposato nel 1819 Giuseppe Poldi Pezzoli (1768-1833). Dalla loro unione erano nati Matilde, nel 1820, e Gian Giacomo nel 1822. Nel 1829 i due coniugi si erano fatti ritrarre da Giuseppe Molteni, che da quel momento divenne il ritrattista di famiglia e strinse con loro una affettuosa amicizia.
Due lutti sconvolsero la vita di Rosina, quello per l’anziano marito nel 1833 e quello per la giovane figlia nel 1840. Questo ritratto è posteriore ai due eventi e collocabile intorno al 1845; è registrato negli inventari di famiglia già dal 1848.
La nobildonna è ritratta a mezzobusto, seduta, su uno sfondo verde azzurro: il pittore ha puntato tutto sullo sguardo dolce e rattristato dell’effigiata, esaltando il carattere intimo e privato dell’opera. Esso è eseguito con una notevole accuratezza e una tale perizia nello studio della luce da confondersi quasi con un dipinto ad olio.

L.G.

AC/DC: 
DC