Domenico Morelli - inv. 276

Titolo: 
Il bagno pompeiano
Numero di Inventario: 
276
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Genre
Parole chiave soggetto: 
Pompei
bagno
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Domenico Morelli (1823-1901)
Ambito e luogo di produzione: 
Milano
Lombardia
Italia
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/0276.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Libri correlati: 
Periodo: 
1850
Datazione specifica: 
1860 ca.
Pubblicazione: 
Si
Tipo di iscrizione: 
signature
Trascrizione o identificazione: 
"Morelli"
Materia e Tecnica: 
oil on canvas
Data di Ingresso: 
1879
Acquisizione: 
Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Tipo di acquisizione: 
bequest
Collocazione riservata: 
Uffici
Tipo di collocazione: 
deposit
Collocazione: 
not on display

 La tela è il bozzetto per l'omonimo dipinto presentato da Domenico Morelli all’esposizione nazionale di Firenze del 1861, oggi conservato a Milano presso la Fondazione Internazionale Balzan. Improntato a uno stile energicamente abbreviato, questo studio preparatorio è comunque già pienamente risolto sia nella descrizione d’ambiente che nella composizione delle figure; unico scostamento rispetto all’opera compiuta è l’assenza del nudo femminile che l’autore avrebbe introdotto in primo piano, disteso a terra sulla destra del quadro.
Le figurette delle bagnanti, definiti da corposi tocchi di colore si dispongono in un ambiente ispirato alle Terme Stabiane; esse danno vita a una rievocazione del passato ispirata non da eventi solenni o gesta d’eroi, quanto piuttosto dalla dimensione feriale e quotidiana di luoghi abitati da gente comune. In questo modo l’illustrazione di fatti antichi poteva più facilmente aprirsi al confronto col vero, all’insegna di un rinnovamento della pittura di storia in senso verista, che proprio in Domenico Morelli trova uno dei suoi interpreti più coerenti.
Al pari dell’opera compiuta, questa piccola tela venne realizzata durante il soggiorno dell’autore a Milano, dove si trovava ospite dell’amico Eleuterio Pagliano.

L. P.

 

L'opera è attualmente esposta alla mostra Giovanni Muzzioli. Il vero, la storia e la finzione, Carpi, Palazzo Foresti (26 novembre 2009 - 24 gennaio 2010)