Pietro degli Ingannati - inv. 3493

Titolo: 
Giovane donna in veste di Santa Caterina
Numero di Inventario: 
3493
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Religious
Parole chiave soggetto: 
Santa Caterina
ritratto di donna
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/3493.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Pietro degli Ingannati (attivo 1529-1547)
Ambito e luogo di produzione: 
Veneto
Italia
Pubblicazione: 
Si
Periodo: 
1525
Datazione specifica: 
1525 ca.
Libri correlati: 
Materia e Tecnica: 
tempera on panel
Data di Ingresso: 
1973
Acquisizione: 
Margherita Visconti Venosta
Tipo di acquisizione: 
donation
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Visconti Venosta Room

La giovane donna raffigurata in questa tavola si volge di lato e regge con la mano destra la palma del martirio e un frammento di ruota dentata, attributi propri di Santa Caterina. Si tratta indubbiamente di un ritratto: il pittore indaga con attenzione la fisionomia della giovane, ponendone in evidenza i tratti caratteristici, come la bocca carnosa, il naso all'insù e i grandi occhi chiari. D'altra parte, le analisi del dipinto hanno posto in evidenza come la tavola non sia un frammento di una più ampia composizione, ma un'opera autonoma.

L'uso di effigiare donne in veste di sante era assai diffuso nella pittura veneta del Cinquecento (vedi anche, sempre del Museo Poldi Pezzoli, Giovane donna in figura di Santa Caterina, copia da Bartolomeo Veneto, inv. 3511) e conobbe una vasta fortuna anche nei secoli successivi. L'autore cui è stata assegnata quest'opera, Pietro degli Ingannati, fu un buon pittore; il suo stile rimanda a quello di Palma il Vecchio e alla maniera tarda di Giovanni Bellini. L'effigie corrisponde ai canoni della ritrattistica veneta della prima metà del Cinquecento, con la figura a mezzobusto, una mano in primo piano e il viso girato di trequarti contro lo sfondo scuro. Nell'opera in esame, anche se appare alquanto consunta e in parte ridipinta in corrispondenza della veste, si può apprezzare la qualità della pittura nel chiaroscuro che modella morbidamente il volto e dona volume all’immagine.

S.G.C.

 

AC/DC: 
DC