Pittore olandese del XVI secolo - inv. 1043

Titolo: 
Ritratto d'uomo
Numero di Inventario: 
1043
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Portrait
Parole chiave soggetto: 
ritratto d'uomo
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/1043.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Motivo attribuzione: 
stylistic analysis
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Pittore olandese del XVI secolo
Ambito e luogo di produzione: 
Olanda
Paesi Bassi
Pubblicazione: 
Si
Libri correlati: 
Periodo: 
1550
Datazione specifica: 
XVI secolo, terzo quarto
Tipo di iscrizione: 
inscription
Trascrizione o identificazione: 
"HE / AETATIS. 30 / 1559"
Materia e Tecnica: 
oil on wood
Data di Ingresso: 
1894
Tipo di acquisizione: 
acquisition
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Foreign Artist Room

A causa del monogramma “HE”, probabilmente apocrifo, in alto a sinistra, questo piccolo ritratto è stato attribuito prima a Lucas de Heere (Gand, 1534 ca. – Gand? 1584), poi ad Hans Eworts (Anversa 1540-1574), artista fiammingo seguace di Hans Holbein (Augusta, 1497 – Londra, 1543).

La presentazione del personaggio segue un modello piuttosto diffuso nella ritrattistica nord europea del Cinquecento. La posa in leggero tre quarti con la mano che stringe un cartiglio è ricorrente nell’arte neerlandese della prima metà del secolo, in particolare nei ritratti di Joos van Cleve, Bernard van Orley, Jan Gossaert, sebbene in questi sia evidente una ricerca plastico-spaziale, spesso affidata al movimento delle mani e alla torsione del busto, che qui è assente. In questo senso, una certa fissità e austerità dell’immagine sembra rifarsi più strettamente a Holbein.

I tanti, ma generici, riferimenti stilistici e compositivi dovuti alla qualità non alta dell’opera portano a condividere l’attribuzione a Scuola Neerlandese recentemente proposta dalla critica.

R.C.

 

AC/DC: 
DC