Giulio Cesare Procaccini (copia da) - inv. 3512

Copia da Giulio Cesare Procaccini

Sacra Famiglia e due angeli
XVII secolo, prima metà
olio su tela  
37,5 x 29,5 cm
1975 donazione Marco Valsecchi
Inv. 3512

Non esposto
Vai a:

Il dipinto riprende una fortunata composizione di uno dei principali artisti milanesi del primo Seicento: Giulio Cesare Procaccini, giunto a Milano da Bologna, alla fine del Cinquecento, con il fratello Camillo, in qualità di scultore, e qui iniziato alla pittura. Sui primi del Seicento realizzerà una serie di dipinti che, insieme alle pale di Cerano e Morazzone, costituiscono un aspetto significativo della cultura figurativa ai tempi del cardinal Federico Borromeo.

La Vergine accarezza affettuosamente il Bambino e tiene in mano un frutto, forse una mela, allusione al peccato originale che il Redentore riscatterà con il suo sacrificio. Alle sue spalle due angeli e san Giuseppe riempiono tutto lo sfondo, emergendo dalla penombra. L’intonazione scura del dipinto rientra nelle caratteristiche della pittura lombarda del primo Seicento, così come la luce sulla figura al centro della scena, caratterizzata da veloci pennellate dal forte impasto materico.

J.S.

 

Consulta la scheda scientifica