Raffaello Sanzio detto Raffaello (attribuito a) - inv. 4129

AllegatoDimensione
Clicca qui95.59 KB
Titolo: 
Croce processionale con santi francescani
Numero di Inventario: 
4129
Tipologia: 
paintings
Collezione: 

Painting

Classe iconografica: 
Religious
Parole chiave soggetto: 
Cristo crocifisso
santi francescani
Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Attribuito a Raffaello Sanzio (1484-1520)
Specifiche attribuzione: 
attributed to
Ambito e luogo di produzione: 
Urbino
Marche
Italia
Notizie storico-critiche: 
<p><a target="_blank" href="/userfiles/4129.pdf">Consulta la scheda scientifica</a></p>
Periodo: 
1450
1500
Datazione specifica: 
1500 ca.
Pubblicazione: 
Si
Libri correlati: 
Materia e Tecnica: 
tempera on wood
Data di Ingresso: 
1973
Acquisizione: 
Margherita Visconti Venosta
Tipo di acquisizione: 
donation
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Visconti Venosta Room

Il dipinto rappresenta sul recto Cristo crocifisso, circondato dalla Vergine, da san Giovanni Evangelista, da santa Maria Maddalena e da san Pietro, raffigurati sulle estremità dei bracci; sul verso, oltre alla figura di Cristo, perfettamente sovrapponibile a quella della faccia principale, compaiono san Francesco, santa Chiara, san Ludovico di Tolosa e sant’Antonio da Padova. Trattandosi di quattro santi francescani, si è ipotizzato che l’opera fosse stata commissionata da un convento dell’ordine, magari femminile, vista la presenza di Chiara e l’abito monacale della Vergine.
Nei pochi centimetri a sua disposizione l’artista ha inserito leggere variazioni nelle pose dei personaggi, con l’effetto di una pur moderata animazione. Osservate le minuscole lingue del fuoco che arde tra le dita di sant’Antonio; il nastro tra i capelli di Maddalena, che si arriccia in due volute attorno al braccio della santa; o, ancora, i manti panneggiati di Pietro e Giovanni, che li fanno quasi sembrare retori romani. La stessa impronta di classicismo si ritrova nel corpo di Cristo, modellato attraverso delicati passaggi di luce e ombra, che ne evidenziano l’anatomia e il volume. È qui presente un ricordo della cultura di Urbino e dell’Italia centrale, da Luca Signorelli a Perugino, a Pinturicchio; a quest’ultimo rimandano le incisioni a bulino di animali fantastici su fondo dorato.
L’opera è probabilmente uno dei primi dipinti del giovane Raffaello ed è stata recentemente messa in relazione con un disegno conservato a Berlino e datato al 1500-1502 circa, in cui la figura di san Pietro è molto vicina a quella presente sulla croce.

F.A.

 

Masterpiece: 
false
AC/DC: 
DC