Pittoreveneto XVI secolo - inv. 195

Pittore veneto del XVI secolo

Ritratto di uomo
1590-1600
olio su tela  
59,6 x 51,7 cm
1879 legato Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Inv. 195

Non esposto


Il dipinto ha piuttosto sofferto in passato: la pellicola pittorica è consunta, con diversi ritocchi alterati e alcune ridipinture; in alcune parti l’abrasione è talmente marcata da lasciar trasparire la preparazione rossastra e alcuni pentimenti, visibili lungo il profilo della nuca e dell’orecchio.
In passato, il ritratto era stata ritenuto opera del pittore bergamasco Giovanni Battista Moroni e la città raffigurata sullo sfondo, cinta da una cerchia di mura e posta a ridosso d’una montagna, era stata identificata con Bergamo. In realtà, l’opera non sembra avere alcun punto di contatto - dal punto di vista stilistico - con la tradizione bergamasca, e pure il borgo fortificato non ha nulla in comune con l’iconografia tradizionale della città lombarda.
Ci troviamo in presenza di un ritratto di sobria e contenuta espressività, evidente soprattutto nello sguardo degli occhi azzurri; i possibili confronti sono con la ritrattistica veneta di Leandro Bassano e di Domenico Brusasorci.

 

Consulta la scheda scientifica