Spada - inv. 2533

Titolo: 
Spada
Numero di Inventario: 
2533
Tipologia: 
european arms
Collezione: 

Arms and Armours

Motivo attribuzione: 
bibliography
Autore, ambito, luogo di produzione: 
Germania (1622)
Ambito e luogo di produzione: 
Germania
Pubblicazione: 
Si
Periodo: 
1600
Datazione specifica: 
1622
Libri correlati: 
Tipo di iscrizione: 
inscription
Trascrizione o identificazione: 
"HANS; MOUM; INTER ARME [sic] SELENT LEG(ES); VIDE [sic] SED CUI VIDEM [sic]"
Materia e Tecnica: 
chiselled silver
iron
Data di Ingresso: 
1879
Acquisizione: 
Gian Giacomo Poldi Pezzoli
Tipo di acquisizione: 
bequest
Tipo di collocazione: 
on display
Collocazione: 
Armory

La spada a due calotte in acciaio intagliato e ageminato, filo di ferro e argento, è stata eseguita in Germania ed è datata 1622. Tutti gli elementi dell’impugnatura, il fornimento, sono intagliati e ageminati in argento, con volute a fiori e frutti, serpi, grottesche, serafini. Sulla lama originale, al tallone (l’estremità che si inserisce nel fornimento) si legge: “HANS”; sull’altro lato: “MOUM”. Hans Moum nel 1641 era consigliere della Fratellanza degli spadai a Solingen, nella Renania nord-orientale. Sempre sulla lama, il motto “INTER ARME [sic] SELENT LEG(ES)” (“in mezzo alle armi le leggi tacciono”). Sull’altro lato, la data 1622 e un’altra iscrizione: “VIDE [sic] SED CUI VIDEM [sic]”. “Fide sed cui vide” (“fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”) è un famoso proverbio, che fu assunto come motto dagli Elettori di Sassonia.

AC/DC: 
DC